Simbolo dell'AICG
Associazione Italiana Ciechi di Guerra

Onlus



Consiglio nazionale

Oltre ai componenti della Presidenza, comprende:

 

Dottoressa Antonia Cordedda  

Nata nel 1964, pur avendo un'esistenza molto difficile (è anche amputata di entrambe le mani), vive una vita intensa, piena di mille interessi, compreso l'impegno nell'AICG e contro la produzione e l'uso di armi e mine. Laureata in scienze internazionali presso la facoltà di Scienze politiche alla Statale di Milano. Oggi Tonina vive a Londra, vanta in curriculum 2 Master Degree conseguiti al Kings College a Londra, presso il prestigioso War Studies Department. Le sue aree di studio sono politica internazionale, diritto internazionale dei diritti umani e umanitari, intelligence e sicurezza internazionale. Si batte per essere accettata e valorizzata come donna anche se ciò, per una portatrice di grave disabilità, significa precorrere i tempi e andare contro schemi, pregiudizi e regole comuni. Il diritto a una piena realizzazione umana in questa società sembra quasi un evento avveniristico, ma lei spera di avere la forza di non arrendersi.

 

Signor Giovanni Credentino  

Nato a Casalnuovo di Napoli il 16 Marzo del 1963, ha perso la vista per lo scoppio di un ordigno bellico ritrovato nelle campagne di Afragola nel 1975. Ha frequentato l’Istituto per non vedenti Paolo Colosimo di Napoli, dove, al termine degli studi, nel 1980, ha conseguito il diploma di Centralinista Telefonico. E’ impiegato presso il Comune di Casalnuovo di Napoli, ufficio di centralino e sistemi informatici dal 1981, conseguendo nel tempo vari attestati per l’uso e utilizzo di sistemi informatici. E’ stato Consigliere Provinciale dell’U.I.C. di Napoli dal 1993 al 2001.E’ coofondatore della consulta disabili di Casalnuovo di Napoli dal 1990 (oggi associazione Peter Pan) dove ricopre a tutt’ora il ruolo di dirigente del comitato esecutivo in carica. E’ consigliere A.I.C.G. CAMPANIA dal 2001, e dal 2007 ricopre la carica di Vice Presidente e Segretario. Appassionato di musica, suona la chitarra, amante delle canzoni classiche del repertorio Napoletano, musicista e cantautore di brani inediti di musica leggera, ha realizzato un CD e ha partecipato a diverse selezioni nazionali di Sanremo giovani dal 1994 al 1999 ed altre vetrine musicali.

 

Professore Carmine De Fazio  

Presidente del Consiglio regionale AICG della Calabria, dopo aver fondato il Comitato dei ciechi di guerra fin dal 1971. È nato a Sersale (CZ) il 20 giugno 1938 rimanendo cieco a otto anni per lo scoppio di un ordigno bellico. Ha studiato a Catanzaro e poi all'Istituto "Martuscelli" di Napoli, diplomandosi in composizione e direzione di coro. A Vibo Valentia ha iniziato l'insegnamento e perfezionato gli studi di composizione, diventando direttore della Scuola regionale di musica dell'Accademia nazionale "Luigi Lanaro". Dal 1964 è stato consigliere regionale dell'UIC e provinciale dell'ANVCG.

 

Commendatore Liborio Di Gesaro  

Nato a Isnello (PA) il 21 febbraio 1926, nel '43 in giovane età ha perso la vista e l'avambraccio sinistro. Da quel momento, seguite le scuole di scrittura Braille, si è adoperato per migliorare le condizioni di vita di quanti hanno subito la sua stessa sorte. Nel 1947 ha fondato l'ANVCG, nel 1968 ha aderito al movimento dei ciechi di guerra e nel 1983 ha fondato l'AICG regionale della Sicilia del cui Consiglio fin da allora è Presidente.

 

Cavaliere Innocenza Di Giovanna  

Nata nella Repubblica di San Marino il 10 giugno 1946, ha abitato varie città per i trasferimenti del padre, carabiniere. Ha studiato alle Magistrali, poi come infermiera volontaria della CRI, e nel 1984 ha conseguito il diploma di specializzazione per insegnanti di alunni con handicap nella scuola elementare. Nel 1969 ha sposato il cieco di guerra prof. Franco Righini, dal quale ha avuto un figlio, ma nell'86 è rimasta vedova. Ama l'arte, è stata segretaria del Fondo Ambiente Italiano di Cesena, e ha deciso di impegnarsi nell'AICG regionale dell'Emilia-Romagna e nazionale per rappresentare le esigenze trascurate dei coniugi superstiti dei grandi invalidi ciechi di guerra.

 

Signor Benito Di Pisa  

Di Pisa Benito nato a Baucina (Pa) il 1/08/1962, nel giorno 26 del mese di Novembre del 1971 perse irrimediabilmente la vista a causa di un residuo bellico a sole 9 anni. Tale avvenimento cambiò radicalmente la sua vita, riprese dall'inizio gli studi presso l'Istituto dei ciechi di Palermo, per apprendere il sistema BRAILLE. Conseguì, il diploma di centralinista e di operatore di computer, presso l'unione cechi di Palermo. Il suo impegno si è manifestato anche in ambito sociale, impegnandosi presso l'Associazione Italiana Cechi di Guerra, fin dalla sua fondazione avvenuta nel Febbraio del 1983. Presso l'Associazione Italiana Cechi di Guerra della Regione Sicilia ha ricoperto la carica di Vicepresidente Segretario Regionale attualmente in carica. È impiegato presso Ministero della Difesa IV Reggimento Genio Guastatore di Palermo alla caserma Ciro Scianna. E' impegnato in Associazioni religiose nel paese di appartenenza.

 

Signor Giuseppe Nacca  

Nato il 17 Marzo del 1947 a Macerata Campania Caserta, ha perso la vista a causa di un residuato bellico all’età di 12 anni. Dipendente del Provveditorato agli Studi di Caserta, presso l’Ufficio Centralino dal 1977, ed attualmente è in pensione. Consigliere dell’U.I.C. Caserta dal 1978, Vice Presidente per diversi anni e dal 2010 è divenuto Presidente. Consigliere dell’Associazione Vittime Civile di Guerra negli anni 1980/86. Consigliere dell’A.I.C.G. Campania dall’insediamento della prima Assemblea del comitato periferico Regionale dal 1980 ed è Presidente dal 2007. Impegnato sul territorio, di appartenenza con varie associazioni, comitati Religiosi e di movimenti culturali e folcloristici.

 

Cavaliere Iole Neri  

Nata a Pianoro, provincia di Bologna il 15/3/39 all’età di 6 anni nel maggio del 1945 ha trovato un piccolo ordigno che le è scoppiato amputandogli la mano destra e facendole perdere la vista. All’età di 8 anni è entrata presso l’Istituto delle Suore Canosiane di Bologna dove ha appreso la scrittura braille e ha frequentato la scuola elementare e media ed i primi anni delle magistrali. Nel 1957 ha terminato gli ultimi due anni presso l’istituto Francesco Cavazza di Bologna diplomandosi però nel 1960 presso l’istituto magistrale Albini. Nel 1965 presso l’Istituto Consigliati di Padova ha conseguito il diploma di centralinista, successivamente ha frequentato ed ottenuto l’abilitazione all’insegnamento ’elementare presso l’istituto Romagnoli di Roma. Nel maggio del 1968 ha iniziato a lavorare presso la Dogana di Bologna come centralinista cambiando posto di lavoro nel 1983 presso la banca popolare di Novara incarico che ha svolto fino alla pensione nel 1997. Iscritta all’A.I.C.G. sin dalla sua fondazione ne è divenuta prima Consigliere Regionale e successivamente Consigliere Nazionale, carica che tuttora riveste con dedizione ed entusiasmo riconoscente di quanto l’Associazione ha conseguito nei confronti della categoria.

 

Signora Esperia Nutricati Briganti  

Nata a Lecce il 1° agosto 1949, si laurea in lingue e letterature straniere. Tra concorsi a cattedra, corsi di abilitazione e innumerevoli corsi di aggiornamento, percorre la carriera d’insegnante di lingue per 37 anni. Sempre dalla parte degli studenti, disponibile e attenta a soddisfare i loro bisogni, adotta strategie pedagogico-educative atte a sviluppare competenze e conoscenze ma anche a offrire nuovi orizzonti e nuove esperienze. A tal fine collabora fattivamente alla progettazione e realizzazione di numerosi progetti ministeriali, anche “Socrates” come istituto leader insieme ad altri partners europei con risultati di grande eccellenza e rilevanza: il tutto insolito per gli anni ’90. Nel 2010 sposa il prof. Luigi Racanelli, sincero amico di famiglia da oltre 40 anni, presidente dell’AICG di Puglia e Basilicata dal 2001. Grazie a lui, ne abbraccia e ne apprezza subito ideali e obiettivi e può condividerne tutte le esperienze associative a livello nazionale e regionale. Diventa presidente del Sodalizio all’inizio del 2018, dopo la scomparsa del coniuge.

 

Cavaliere Salvatore Podda  

Nato a Orgosolo (NU) l'11 aprile 1934 è stato ferito nel 1942 per lo scoppio di un ordigno bellico. Ha studiato all'Istituto dei ciechi di Cagliari. Iscritto all'UIC di Cagliari dal 1948, ne è stato Vice Presidente dal 1967 al 1971. Ha aderito immediatamente al movimento dei ciechi di guerra ed è stato Vice Presidente del Consiglio regionale AICG della Sardegna presieduto dal compianto Giuseppe Scano, che ha sostituito dal 1996. Ha lavorato come centralinista telefonico per l'Aeronautica militare e all'aeroporto di Elmas.

 

Professore Pietro Puddu  

Nato a Cagliari il 07/03/1936, ha perso la vista prima del compimento dei 7 anni, ha frequentato le scuole elementari e l'avviamento professionale di tipo industriale nelle scuole annesse all'istituto dei ciechi di Cagliari; ha conseguito il diploma di avviamento nel 1952; ha conseguito il diploma di terza ginnasiale preparandosi privatamente e, successivamente, ha frequentato il liceo classico "Siotto" a Cagliari. Iscrittosi agli studi dell'università di Cagliari nella facoltà di "Economia e commercio" laureandosi nel Giugno del 1963. Ha conseguito il diploma all'istituto Augusto Romagnoli e successivamente l'abilitazione per docenti nelle scuole medie statali di primo grado "lingua Francese", ha conseguito idoneità superando il concorso Statale per Presidi; è stato per un breve periodo Direttore dell'Istituto dei ciechi di Cagliari. E' stato eletto nel 1957 Consigliere dell'Unione Italiana dei ciechi di Cagliari, con alcuni periodi ricoprendo la carica di consigliere delegato. E' stato, della stessa U.I.C. Presidente della sezione Provinciale di Cagliari e, successivamente, Presidente Regionale della stessa Unione. Ha collaborato con diverse associazioni di carattere assistenziale e culturale. La sede di ruolo di dirigente scolastico è stata la scuola media di primo grado di Serdiana e la terza media è stato il primo istituto di quel tipo ricevuto dal Presidente del Consiglio Europeo.

 

Dott. Francesco Raone  

Nato a Salve ( LE ) nel 1963, perde la vista a 12 anni per lo scoppio di un residuato bellico. Riprende gli studi dopo aver appreso la scrittura Braille, diplomandosi in lingue straniere. All'università si laurea in psicologia e conosce la futura moglie, e la famiglia si allarga accogliendo due figli nel corso della specializzazione in psicoterapia. Attualmente svolge la professione di psicoterapeuta. Nel Consiglio Direttivo della regione Marche ormai da diversi mandati, ne ha assunto la presidenza nel corso del 2012 raccogliendo l'eredità fruttuosissima del Presidente e fraterno amico Claudio Conti.

 

Professore Domenico Sassoli  

Nato a San Giovanni in Persiceto in provincia di Bologna il 31 dicembre 1936. La mia infanzia l’ho vissuta all’insegna della libertà, di una grande vitalità e di una eccezionale vivacità. I primi anni della mia vita lì ho vissuti tra un bombardamento e l’altro ed ho ancora scolpiti nella mente gli orrori della guerra. Nel febbraio del 1945, a meno di due mesi dalla liberazione di Bologna avvenuta il 21 aprile, all’età di 8 anni, ho avuto l’incidente in cui ho perso la vista è in cui morì mio fratello Antonio appena dodicenne. Grazie alla mia innata vitalità ho reagito molto bene a quell’infausto evento; mi sono presto adattato alla nuova condizione e nell’ottobre del 1946 sono entrato nel collegio per ciechi Giuseppe Garibaldi de Reggio Emilia Negli anni 50 sono passato all’istituto Cavazza di Bologna dove ho frequentato nella scuola pubblica le medie e poi la quarta e là quinta ginnasio presso il liceo Galvani. Mi sono laureato in giurisprudenza con 110/110; ho insegnato materie giuridiche ed economiche per trent’anni con piena soddisfazione mia e spero anche dei miei alunni. Trasmettere ai giovani il proprio sapere e i valori fondamentali della vita è stato un fatto gratificante che mi ha molto arricchito. “docendo disciturn” insegnando s’impara (Seneca). Al secondo matrimonio ho sposato Luciana che è la mia attuale metà. Per me Luciana è una perla preziosa, in breve, Luciana è il mio angelo custode. Ci sono due punti che hanno caratterizzato la mia vita: il canto corale, che porto avanti da oltre 50 anni e il contatto con la natura. Da sempre attivo nell’AICG in qualità di socio, Consigliere Regionale dell’Emilia Romagna e Consigliere Nazionale.

 

Commendatore Alfonso Stefanelli  

Nato a S. Benedetto Val di Sambro (BO) il 16 ottobre 1934, è rimasto cieco e amputato a nove anni per lo scoppio di un residuato bellico. Ripresi gli studi, si è laureato in giurisprudenza all'università di Bologna, specializzandosi in Scienza dell'amministrazione e in Diritto del lavoro e della sicurezza sociale. Già procuratore legale e assistente universitario, dal '62 al '92 ha insegnato materie giuridiche ed economiche negli istituti tecnici. Convinto ed entusiasta responsabile in prima fila nel movimento dei ciechi di guerra, ha contribuito a fondare uno dei primi consigli regionali AICG, quello Emilia-Romagna, di cui è Presidente dal 1979. Grazie a un lavoro di squadra e a uno stile di collaborazione, ha ottenuto risultati e riconoscimenti notevoli. Ma la maggiore soddisfazione è stata ed è quella di riuscire a soddisfare le aspettative dei soci e ricevere la loro fiducia, partecipando anche alle vicende personali e familiari e condividendo le loro emozioni. È stato membro del Comitato direttivo nazionale.

Sig.ra Maria Teresa Tamburrano  

Nata a Cavallino di Lecce il 28 maggio 1954, primogenita di due figlie del “grande invalido cieco di guerra” Cosimo. Ho conseguito la maturità scientifica nel 1973, iscritta al corso di laurea in lingue straniere abbandono gli studi per essere diventata mamma di tre figlie, che mi hanno regalato grandi soddisfazioni per gli obiettivi di grande spessore raggiunti e reso nonna. Ho lavorato sino al 2015 presso la ASL di Lecce, in qualità di assistente amministrativo con incarichi di responsabilità. Ho collaborato con varie associazioni di volontariato, schierandomi sempre dalla parte dei deboli e svantaggiati. Attenta alle tematiche in difesa dell’ambiente, insofferente nei confronti delle ingiustizie sociali e della violazione dei diritti umani. Negli ultimi anni mi sono dedicata anche alla recitazione, facendo parte di una associazione teatrale in vernacolo. Dopo la scomparsa del mio caro papà e grande amico del compianto Prof. Luigi Racanelli, mi sono resa conto di quanto fosse importante, per una categoria così fragile, l’esistenza e l’assistenza dell’associazione AICG, per questo motivo ho accettato nella gestione 2016/2019, l’incarico di sindaco revisore nel Consiglio Interregionale Puglia e Basilicata. Ed é sempre la speranza di poter dare un valido contributo di sostegno all’associazione che mi ha spinto a mettermi in gioco, accettando la proposta di candidarmi alla carica di consigliera nazionale. Con grande riconoscenza ed umiltà ringrazio, per la fiducia e la stima riposta in me da parte dei tanti soci, che hanno determinato il raggiungimento del brillante risultato conseguito e che mi vedrà componente del Consiglio Nazionale dell’AICG dal 2019.

 

Professore Franco Valerio  

In aggiornamento.

 

Professore Giuseppe Zen  

Nato a Romano D’Ezzelino (VI) il 27 febbraio1953, all’età di nove anni, il 30 gennaio 1962, ha avuto un incidente con un residuato trovato in campagna. In seguito perdendo la vista ha dovuto abbandonare le scuole elementari che frequentavo ed è stato messo presso l’Istituto per Ciechi a Padova dove ha completato le elementari le medie e al termine delle quali ha conseguito la maturità classica al Liceo Tito Livio di Padova. Successivamente si è iscritto all’università Facolta di Storia e Filosofia non completando però il corso per motivi familiari. Ha frequentato un corso di programmazione elettronica presso l’Istituto Cavazza di Bologna incontrando però numerosi ostacoli createmi in quanto invalido di guerra e quindi non bisognoso, a loro dire, di lavorare. Ha ripiegato su di un corso per centralinista allo stesso istituto Cavazza di Bologna conseguendo il diploma ed inserendomi come centralinista presso Agenzia delle Entrate di Vicenza. Iscrittosi all’Unione Italiana Ciechi di Vicenza ne è diventato Consigliere Provinciale per 12 anni e tuttora collaboro all’attività associativa. Iscritto all’A.I.C.G. dalla costituzione è diventato Consigliere Interregionale presso il Consiglio Nord-Italia, Consiglio nel quale riveste oggi, con orgoglio e spirito di servizio, la carica di Presidente.